www.make-consulting.it

Il Credito d’Imposta per l’acquisto di beni strumentali rappresenta un importante incentivo governativo per le imprese italiane.

Questo beneficio fiscale è stato introdotto con l’obiettivo di favorire gli investimenti nel settore produttivo e stimolare l’innovazione tecnologica.

Ma quali sono i requisiti necessari per poter beneficiare di questo credito? E cosa significa appartenere alla categoria Industria 4.0? In questa guida, esploreremo in dettaglio le caratteristiche obbligatorie dei beni strumentali, i requisiti ulteriori per l’appartenenza alla categoria Industria 4.0 e i requisiti specifici per i beni dell’allegato A diversi dal gruppo I.

Scopriremo come queste normative possono influenzare il tuo business e quali passi devi compiere per ottenere i benefici fiscali previsti. Continua a leggere per avere tutte le informazioni necessarie e sfruttare al meglio questa opportunità.

 

Indice dei contenuti

Credito d’imposta per gli investimenti aziendali e requisiti Industria 4.0

Il credito d’imposta per l’acquisto di beni strumentali è stato introdotto dall’articolo 1 commi da 185 a 197 della legge 27 dicembre 2019. Di fatto, si è trattato di una riformulazione di un precedente incentivo governativo conosciuto come “iperammortamento” in vigore già dal 2017.

 

Categorie di imprese beneficiarie del credito d’imposta

Possono godere del credito di imposta tutte le imprese residenti nel territorio dello Stato, comprese le stabili organizzazioni di soggetti non residenti, indipendentemente dalla forma giuridica, dal settore economico di appartenenza, dalla dimensione e dal regime fiscale di determinazione del reddito dell’impresa, che effettuano investimenti in beni strumentali nuovi destinati a strutture produttive ubicate nel territorio dello Stato.

 

Tipologie di investimenti ammissibili

Gli investimenti devono essere relativi a beni materiali e immateriali nuovi strumentali all’esercizio d’impresa, con alcune eccezioni quali, tra le altre, i beni i cui coefficienti di ammortamento ai fini fiscali siano inferiori al 6,5%, i fabbricati e le costruzioni. I beni devono essere quelli indicati nell’allegato A (beni materiali) e B (beni immateriali) annesso alla legge 11 dicembre 2016, n. 232.

 

Requisiti dei beni strumentali e ulteriori caratteristiche per l’appartenenza alla categoria Industria 4.0

Il credito d’imposta è riconosciuto fino ad una misura massima del 20% per gli investimenti effettuati nel corso del 2023, è utilizzabile esclusivamente in compensazione, in tre quote annuali di pari importo, a decorrere dall’anno di avvenuta interconnessione dei beni.

Per poter essere considerati Industria 4.0 i beni non solo devono essere ricompresi nell’allegato A o B della legge 232/2016 ma devono inoltre possedere ed essere implementati in azienda con determinati requisiti.

Per i beni strumentali il cui funzionamento è controllato da sistemi computerizzati o gestito tramite opportuni sensori e azionamenti (gruppo I, dell’allegato A della L. 232/2016), il bene deve obbligatoriamente avere tutte le seguenti 5 caratteristiche:

  • RO1. controllo per mezzo di CNC (Computer Numerical Control) e/o PLC (Programmable Logic Controller);
  • RO2. interconnessione ai sistemi informatici di fabbrica con caricamento da remoto di istruzioni e/o part program;
  • RO3. integrazione automatizzata con il sistema logistico della fabbrica o con la rete di fornitura e/o con altre macchine del ciclo produttivo;
  • RO4. interfaccia tra uomo e macchina semplici e intuitive;
  • RO5. rispondenza ai più recenti parametri di sicurezza, salute e igiene del lavoro.

Per i beni dell’allegato A diversi dai quelli di cui al gruppo I, come i sistemi per l’assicurazione della qualità e della sostenibilità, e i dispositivi per l’interazione uomo macchina e per il miglioramento dell’ergonomia e della sicurezza del posto di lavoro in logica «4.0», la normativa richiede che sia soddisfatto il solo requisito dell’interconnessione ai sistemi informatici di fabbrica con caricamento da remoto di istruzioni e/o part program.

 

Mantenimento dei requisiti nel periodo di fruizione dei benefici

Attenzione, inoltre, che l’attestazione di possesso dei requisiti normativi richiesti, presente nella perizia asseverata o nella dichiarazione sostitutiva di atto notorio del legale rappresentante ha valore relativamente alla data in cui è stata rilasciata, che si assume come data di validazione della configurazione, delle dotazioni e dello stato dell’arte del bene oggetto di perizia.

 

Documentazione per garantire la validità dei requisiti

L’Agenzia delle Entrate nel corso del 2021 ha chiarito che il rispetto delle 5+2/3 caratteristiche tecnologiche e del requisito dell’interconnessione, dovrà essere garantito per tutto il periodo di godimento dei benefici 4.0. Dovrà quindi essere cura dell’impresa beneficiaria documentare, attraverso un’adeguata e sistematica reportistica, il mantenimento, per tutto il periodo di fruizione dei benefici, delle caratteristiche e dei requisiti richiesti. E’ opportuno anche che la suddetta documentazione  abbia data certa, ad esempio attraverso l’invio di una PEC al proprio indirizzo PEC.

 

L’importanza della consulenza professionale e della documentazione

Il Credito d’Imposta per l’acquisto di beni strumentali rappresenta un’opportunità imperdibile per le imprese italiane. 

Se desideri beneficiarne è fondamentale rivolgersi a professionisti qualificati e esperti nel settore. La corretta redazione dell’Analisi Tecnica allegata alla perizia asseverata o alla dichiarazione sostitutiva di atto notorio è un aspetto cruciale per soddisfare i requisiti necessari e ottenere il credito d’imposta.

Affidarsi a Make Finance significa avere la certezza di ottenere un servizio personalizzato e professionale, che ti permetterà di massimizzare i benefici fiscali e di evitare possibili errori. Siamo in grado di valutare con precisione i beni strumentali e le caratteristiche necessarie per l’appartenenza alla categoria Industria 4.0.

Non dovrai preoccuparti di nulla, poiché ci occuperemo di tutte le pratiche e le procedure necessarie per l’adesione al programma di incentivazione.

Make Finance si impegna a fornirti un servizio completo e professionale, garantendoti la massima tranquillità e sicurezza nell’ottenimento del credito d’imposta. Scegliendo la nostra consulenza specializzata, potrai concentrarti sulle attività principali della tua impresa, lasciando a noi l’onere di gestire tutti gli aspetti burocratici e documentali.

Affidati a Make Finance e lascia che i nostri esperti si occupino di tutto il necessario per aderire al credito d’imposta per l’acquisto di beni strumentali, consentendoti di ottenere i vantaggi fiscali che meriti.

    Vuoi ottenere anche tu più risultati dalla tua azienda?

    Compila il modulo per essere ricontatto da un nostro consulente

    Nome*

    Cognome*

    E-mail*

    Cellulare*

    Ruolo*

    Azienda*

    Indirizzo*

    CAP*

    Città*

    Provincia*

    Prendo visione dell'informativa sulla Privacy Policy.*

    Potrebbero interessarti anche:

    Massimizzare l’efficienza operativa: Il potere del One Piece Flow

    Siamo lieti di darvi il benvenuto a un’indagine approfondita sull’efficienza operativa e sul ruolo cruciale svolto dal concetto noto come One Piece Flow. In un mondo aziendale sempre più competitivo, dove l’ottimizzazione dei processi è fondamentale per il successo, questo approccio si distingue per la sua capacità di trasformare radicalmente la produzione. Oggi, ci immergeremo […]

    Controllo di Gestione, attività chiave e perchè è cruciale per ogni azienda

    La gestione efficace del team è cruciale per il successo di una squadra come di un’organizzazione aziendale. Come sostiene Rossano Galtarossa, campione olimpico in quattro diverse edizioni dei Giochi Olimpici, non si tratta semplicemente di assemblare i migliori talenti, ma di creare un mix armonioso di competenze e personalità all’interno del gruppo. Ogni membro del […]

    Finanza agevolata: come funziona

    Finanza agevolata: come funziona e in cosa consiste esattamente? Con il termine finanza agevolata ci si riferisce abitualmente all’insieme degli strumenti finanziari utilizzati dal legislatore a livello comunitario, nazionale, regionale o locale per favorire la competitività e lo sviluppo delle imprese.  La finanza agevolata opera attraverso gli strumenti agevolativi pubblici di provenienza comunitaria, nazionale e […]

    Consulente Lean: perché è diverso da un consulente aziendale tradizionale

    Consulente Lean: ne hai sentito parlare in qualche corso, letto in qualche articolo, ricevuto un consiglio da un amico e vorresti saperne di più. Cos’è esattamente un consulente aziendale lean? In cosa si differenzia da un consulente aziendale tradizionale? In quali tipi di aziende è utile e in quali del tutto inefficace? Innanzitutto va detto […]

    Sistema Gestione Qualità
    Make Group S.r.l.
    certificato ISO9001 - settori IAF 35 e 37
    n. 50 100 15853

    Make Group Srl

    SEDE OPERATIVA
    Via Venezia, 58/2 | 30037 Scorzè (VE)

    SEDE LEGALE
    Via Villafranca, 6/3 | 30035Mirano (VE)

    Dal Lunedì al Venerdì dalle 09:00 alle 18:00 oppure scrivici via email a: info@make-group.it

    Resta aggiornato

    Iscriviti alla newsletter

      Nome*

      E-mail*

      Prendo visione dell'informativa sulla Privacy Policy.*

      Make Group Srl – Capitale Sociale 25.000 € i.v. – P.IVA e C.F. 04409600279 | REA VE-411415 | Cod. SDI T04ZHR3

      Copyright © 2023 Make Group | Privacy PolicyCookie Policy